stefano accorsi al palabovisa

Per preparare il film “50 all’ora”, in cui disputa un’intensa partita di ping pong, Stefano Accorsi si è allenato al PalaBovisa, la palestra in cui si tengono i corsi del Tennistavolo Aquile Azzurre di Milano.

Un professionista meticoloso

L’attore bolognese è noto per la meticolosità con cui interpreta i personaggi dei suoi film e anche questa volta non si è smentito. Dovendo entrare nei panni di un appassionato giocatore di ping pong, Stefano Accorsi ha voluto prepararsi scrupolosamente e ha scelto il PalaBovisa, la palestra del TT Aquile Azzurre di Milano, per conoscere la tecnica di base del nostro sport, con l’aiuto del veterano Pier Offredi.

Stefano Accorsi 50 all'ora

La trama del film

Due fratelli, Rocco e Guido, interpretati da Fabio De Luigi (che è anche regista del film) e Stefano Accorsi, si ritrovano dopo tanti anni al funerale del padre. Nonostante vecchi rancori e affetti dimenticati, decidono di fare un viaggio insieme per portare le ceneri del genitore accanto alla moglie, seguendo le sue ultime volontà. A bordo di due vecchi motorini, costruiti da loro molti anni prima, attraversano l’Emilia-Romagna riscoprendo il loro legame. E tra i ricordi del passato c’è anche la passione per il ping pong….

La filmografia di Stefano Accorsi

Fratelli e sorelle, regia di Pupi Avati (1992)
Un posto, regia di Luigi Zanolio (1992)
Strane storie – Racconti di fine secolo, regia di Sandro Baldoni (1994)
Facciamo paradiso, regia di Mario Monicelli (1995) – non accreditato
Jack Frusciante è uscito dal gruppo, regia di Enza Negroni (1996)
Vesna va veloce, regia di Carlo Mazzacurati (1996)
La mia generazione, regia di Wilma Labate (1996)
Naja, regia di Angelo Longoni (1997)
I piccoli maestri, regia di Daniele Luchetti (1997)
Più leggero non basta, regia di Elisabetta Lodoli (1998)
Radiofreccia, regia di Luciano Ligabue (1998)
Ormai è fatta!, regia di Enzo Monteleone (1999)
Un uomo perbene, regia di Maurizio Zaccaro (1999)
Capitani d’aprile, regia di Maria de Medeiros (2000)
Tabloid, regia di David Blair (2001)
L’ultimo bacio, regia di Gabriele Muccino (2001)
Le fate ignoranti, regia di Ferzan Özpetek (2001)
La stanza del figlio, regia di Nanni Moretti (2001)
Santa Maradona, regia di Marco Ponti (2001)
Un viaggio chiamato amore, regia di Michele Placido (2002)
Il giovane Casanova, regia di Giacomo Battiato (2002)
Ovunque sei, regia di Michele Placido (2004)
L’amore ritrovato, regia di Carlo Mazzacurati (2004)
Provincia meccanica, regia di Stefano Mordini (2005)
Romanzo criminale, regia di Michele Placido (2005)
Triplice inganno (Les brigades du tigre), regia di Jérôme Cornuau (2006)
Tutta colpa di Fidel (La faute à Fidel!), regia di Julie Gavras (2006)
Saturno contro, regia di Ferzan Özpetek (2007)
Solo un bacio per favore (Un baiser s’il vous plaît), regia di Emmanuel Mouret (2007)
Les deux mondes, regia di Daniel Cohen (2007)
La jeune fille et les loups, regia di Gilles Legrand (2008)
Baby Blues, regia di Diane Bertrand (2008)
Je ne dis pas non, regia di Iliana Lolitch (2009)
Baciami ancora, regia di Gabriele Muccino (2010)
Nous trois, regia di Renaud Bertrand (2010)
La vita facile, regia di Lucio Pellegrini (2011)
…Non ci posso credere (Tous les Soleils), regia di Philippe Claudel (2011)
Ruggine, regia di Daniele Gaglianone (2011)
L’arbitro, regia di Paolo Zucca (2013)
Viaggio sola, regia di Maria Sole Tognazzi (2013)
La nostra terra, regia di Giulio Manfredonia (2014)
Veloce come il vento, regia di Matteo Rovere (2016)
Fortunata, regia di Sergio Castellitto (2017)
Made in Italy, regia di Luciano Ligabue (2018)
A casa tutti bene, regia di Gabriele Muccino (2018)
Il campione, regia di Leonardo D’Agostini (2019)
La dea fortuna, regia di Ferzan Özpetek (2019)
Lasciami andare, regia di Stefano Mordini (2020)
Marilyn ha gli occhi neri, regia di Simone Godano (2021)
Ipersonnia, regia di Alberto Mascia (2022)
50 km all’ora, regia di Fabio De Luigi (2024)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *