Marcio in Francia
Gioco marcio in Francia. Anche i pongisti francesi richiedono il rispetto della legalità. A questo link trovate il testo della campagna lanciata nel 2015, in cui si chiede che vengano presi provvedimenti contro le gomme trattate, la boosterizzazione e i servizi coperti.
I pongisti francesi chiedono all’ITTF l’applicazione del Regolamento in materia di servizi coperti, boosterizzazione, colle a solvente puntini trattati, in modo da avere partite giocate correttamente, mentre attualmente alcuni giocatori rispettano le regole e altri no, a volte vantandosene anche pubblicamente. Ciò offusca l’immagine del tennis tavolo e non può più essere accettato. Quale immagine stiamo dando, si chiedono i pongisti francesi? Quella di un gioco in cui si può decidere di applicare le regole stabilite o no!
La campagna per il gioco pulito non riguarda solo l’Italia, perchè la slealtà sportiva è diffusa in tutti i Paesi, come dimostrano le proteste dei giocatori sui vari forum internazionali.
Sulla pagina Facebook viene pubblicizzato anche il Bat Tester, considerato lo strumento ideale per controllare l’attrito delle gomme puntinate in base alla normativa ITTF (Technical Leaflet T4 Racket Covering – pt.8), di semplice utilizzo e dotato di una guida rapida d’utilizzo.
L’omologazione della Fitet viene considerata dai francesi una “enorme vittoria”, con buona pace dei critici italiani…
Anche i francesi puntano sulla formazione e l’aggiornamento tecnico della classe arbitrale, ma soprattutto sulla formazione dei giovani, a cui deve essere proposta l’immagine dei giocatori corretti, aiutati dalle società, che devono esercitare un controllo nei confronti dei loro associati, eliminando le mele marce, che danneggiano l’immagine delle loro squadre.
Non deve mancare il controllo e la repressione dei comportamenti antisportivi, applicando le sanzioni previste dal Regolamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.