Gomme taroccate bugie
Dai Campionati Regionali di Coccaglio 2015 arrivano altre buone notizie per tutti i pongisti che “giocano pulito”; è stato infatti beccato un altro noto “utilizzatore finale di gomme trattate”, Massimo Bernacchi, che utilizzava una gomma puntinata giudicata irregolare, in quanto la pallina scivolava senza alcun attrito. Com’è noto una gomma puntinata deve essere conforme al Regolamento ITTF (Technical Leaflet T4 ITTF, 8. Friction for pimples-out. The coefficient of kinetic friction between the rubber and a table tennis ball must be at least 0.50. In the test laboratory, a normal force of 50mN is applied). In sostanza il coefficiente d’attrito dinamico tra la gomma puntinata e la pallina da tennistavolo deve essere minimo 0.50 . Nei tests di laboratorio viene applicata una forza perpendicolare di 50 mN (milliNewton).
Purtroppo durante il torneo di Coccaglio solo l’ultimo dei 3 giocatori del girone in cui era inserito Bernacchi ha richiesto il controllo arbitrale sulla sua gomma puntinata, per cui le 2 partite precedenti, giocate con la gomma taroccata, sono state considerate valide.
Questo nuovo episodio deve spingere tutti i giocatori onesti a richiedere sempre e subito il controllo arbitrale, lasciando da parte quel malinteso senso di cameratismo nei confronti di giocatori con cui ci si conosce da anni, che induce a vergognarsi di chiedere i controlli e sul quale puntano i taroccatori per continuare a barare indisturbati.
Chiariamolo una volta per tutte: chi truffa per vincere le partite non può essere un amico, anche se abbiamo frequentato le stesse palestre per anni. Parafrasando lo slogan lanciato contro i fumatori, possiamo dire che “chi tratta le gomme ruba anche a te: digli di smettere!”.
Per passare dalle parole ai fatti e rendere quindi efficace questa azione di pulizia, è necessario che tutti i pongisti onesti facciano sentire la loro voce, sostenendo l’operato degli arbitri che non si rassegnano all’illegalità sportiva e fanno bene il loro mestiere, richiedendo agli organismi competenti un’azione di formazione e aggiornamento tecnico di tutta la classe arbitrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.